Il mito di Eco e Narciso

Aggiornamento: 21 mag 2021





Nel mito viene trattata la figura della ninfa Eco, che magari non molti conoscono! Le moderne Eco sono donne che hanno delle qualità positive, ma hanno un vissuto interiore di totale inesistenza. Hanno un femminile assente e sono sempre alla ricerca dell'approvazione altrui, un po' come un'eco. La presenza della ninfa Eco si sente solo perché ripete con la sua voce le parole degli altri. Il dolore che provano queste donne dipende dal fatto che cercano di esistere attraverso gli uomini e cercano disperatamente di piacere loro. Probabilmente, hanno avuto un rapporto conflittuale con il padre, che è stato il primo uomo per cui non sono esistite e diventano le Eco di quella bambina.


Narciso era un giovane di una bellezza straordinaria e di una grazia sopraffina, esattamente le qualità che il narcisista utilizza all'inizio del rapporto. Ti racconta i suoi successi e le sue vittorie per conquistarti. Ti fa sentire un'altra donna. Questa giostra di emozioni ti stordisce. Quando ti avvicini al narciso però, ti rifiuta e ti distrugge! Un partner narcisista si vuole confermare attraverso di te! La relazione dovrebbe essere un andare incontro all'altro e non una relazione dove mi specchio nell'altro. L'indovino Tiresia prevede per Narciso una lunga vita soltanto se non si fosse mai conosciuto. Se si fosse conosciuto sarebbe andato incontro alla sua morte. Se un narcisista decide di vedere se stesso e di prendere coscienza del suo disturbo di personalità, il Narciso muore e nasce un fiore! E' estremamente difficile che ciò accada perché un narcisista andrà alla ricerca di un nuovo partner per riconfermare se stesso.


Spesso la persona che si lega a un dipendente affettivo ha una patologia affine. Il narcisista è una persona fortemente insicura, che ottiene un affievolirsi del suo senso di angoscia e una certa autostima dall'adorazione, devozione amorosa e anche da un certo masochismo del suo partner che accetta di sottomettersi a lui. Si parla di co-dipendenza nel senso che entrambi i partner della relazione sono dipendenti, ma in modi differenti. Narciso non vuole e non è in grado di vedere l'altro: é cinico e prova disprezzo. Il Narciso è condannato ad annegare in un mare di solitudine! Eco sceglie di annullarsi e di non esistere autonomamente, accetta di vivere attraverso gli altri. Era, la moglie di Zeus, punisce Eco e la condanna a ripetere le parole degli altri. Quando una Eco incontra il Narciso è già condannata dalla madre! La madre di una Eco è anaffettiva e solidale con il padre che ritiene la figlia inesistente.

37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti