Il narcisismo e la dipendenza affettiva




Perché si diventa affettivamente dipendenti da un narcisista? Si parla di dipendenza affettiva come di una carenza affettiva che si è provata nell’infanzia e che si ripropone da adulti. Se da bambino sei stato abituato a essere trascurato dalle persone significative, da adulto tenderai a coinvolgerti emotivamente con chi ti farà sentire trascurato e si farà desiderare da te. Andrà a finire che soffrirai anche da adulto quello che hai passato da bambino. Quindi, per evitarlo dovresti diventare consapevole di questo tuo comportamento e uscire da questo circolo vizioso che ti porta tanta sofferenza. Rischi di rivivere da adulto le stesse dinamiche di carenza affettiva che hai vissuto nell’infanzia e che vanno a riconfermare la tua carenza di autostima.

Ma non tutti sono d’accordo con questa tesi, infatti si parla anche di dipendenza biochimica per quelle persone che sono vissute in famiglie normali e che non si sono sentite trascurate affettivamente da bambini, ma sono caduti nella trappola di individui tossici che utilizzando tecniche manipolatorie molto subdole li hanno strumentalizzati. Quindi, puoi essere una persona con una sana autostima, ma in quel periodo ti sentivi più fragile e hai incontrato la persona sbagliata. Nel cervello si instaura una biochimica che crea dipendenza: il continuo tira e molla, prima il partner ti maltratta, poi la relazione è di nuovo gratificante… ti crea dipendenza. E’ lo stesso meccanismo che crea dipendenza nel gioco d’azzardo: ne diventi dipendente perché ogni tanto vinci.

Il narcisista ha una bassa autostima anche se non lo ammetterà mai a se stesso e agli altri. Il narcisista ha un umore bipolare: ha dei momenti di depressione seguiti da momenti di euforia. Quando il narcisista si presenta bisognoso e tu fai la crocerossina ti fai agganciare di nuovo se lo perdoni, ma una volta ritornato nel momento di euforia ritornerà ad essere maltrattante come lo è stato nel passato.

Il narcisista covert può essere aggressivo tra le quattro mura domestiche pur presentando un’immagine esteriore irreprensibile. Anche il narcisista covert può non avere voglia di impegnarsi e nel momento in cui dovrebbe prendere una decisione potrebbe scappare.

Narcisisti e figli

Il narcisista non prende come una buona notizia l’arrivo di un nuovo membro nella famiglia perché ci sarà una nuova creatura che manipolerà l’attenzione e che richiederà cure. I genitori narcisisti possono avere un comportamento ambivalente: in casa ti svalutano, ma fuori di casa, le stesse qualità che svalutano tra le mura domestiche le possono apprezzare in pubblico, ti portano su un palmo di mano, cioè parlano bene di te se gli fai fare bella figura. In fase di separazione, i figli diventano oggetto di ricatto: potrebbero viziare i figli per metterli contro il partner, il narcisista vuole essere il migliore anche in quel caso.

Per un narcisista è più importante avere ragione, vincere piuttosto che amare un’altra persona. Cosa è meglio fare con un genitore maltrattante? La cosa migliore è mettersi al sicuro, allontanarsi anche se magari non sarà facile, poi se vedersi ogni tanto, o accudire i genitori da anziani è una vostra scelta personale… Fate quello che vi sentite: nessuno vi può obbligare! Quando rivedi il genitore maltrattante, tu dopo come ti senti? Stai male di nuovo? Non ha senso aiutare qualcuno se dopo ti senti male tu. Chi aiuta te quando stai male? L’amore, l’amicizia, l’affetto e l’aiuto: nulla è dovuto! Rispetta te stesso per primo!

Come uscire da queste situazioni?

L'informazione è importante perché ti permette di prendere consapevolezza di questi meccanismi. La persona innamorata tende a non vedere i lati negativi e a ingigantire tutti i momenti belli! Se si tratta di un genitore narcisista non dovresti avere l’aspettativa di recuperare un rapporto con un genitore che continua a maltrattarti. Dopo aver preso consapevolezza, il passo successivo è mettere nella giusta luce i maltrattamenti subiti e i pochi momenti belli, per mettere tutto nella giusta prospettiva. E’ importante non ricadere quando il narcisista ritorna! Non ci ricascare, tanto queste persone non cambiano!

Per superare la dipendenza emotiva dovresti riprendere la centralità nella tua vita. Cosa ti piacerebbe fare? Hai un progetto o un desiderio che hai accantonato a causa della relazione con il narcisista? Bene, adesso è l’occasione giusta! Smetti di vivere in funzione della volontà o peggio degli sbalzi d’umore del narcisista e pensa a te! Vivi per te! Coltiva nuove amicizie o riprendi le vecchie amicizie che magari hai accantonato a causa del narcisista! Impara a darti da solo ciò di cui tu hai bisogno!

Rivedi le tue convinzioni negative verso le relazioni: non devi essere dipendente da una persona per essere felice, la tua vita non è tutta lì, c’è molto di più! Se pensi: “Non valgo nulla senza di lui/lei”, “Senza di lui/lei non vivo”, “Non ce la farò mai!”, “Una persona così non la incontrerò mai più”, “Solo lui/lei può amarmi”, “Io non riuscirò mai più ad innamorarmi”, “Io non sono abbastanza”, “Nessuno mi vorrà”, “La colpa è mia”, “Alla fine tutti mi abbandonano!”. Sono tutte convinzioni disfunzionali che crei da solo, ma non ti servono per essere felice. C’è una buona notizia: come le hai create le puoi distruggere! Inizia a pensare: “Io valgo anche senza di lui/lei”, “Vivo benissimo senza di lui/lei”, “Quando lui/lei non c’è per me è un giorno di festa!”, “Ce la faccio!”, “Una persona così non la incontrerò mai più… che fortuna! Stappo una bottiglia di champagne e festeggio”, “Posso incontrare un’altra persona che mi ama”, “Posso ancora essere felice”, “Incontrerò una persona più matura che mi farà stare meglio!”, “Io sono forte da sola/da solo!”.

Impara a diventare il genitore di te stesso, la parte dipendente di noi è una parte che è rimasta bambina e il nostro io genitore se ne deve prendere cura.

Quando diventi dipendente da una persona pensi che quella persona sia una parte di te e che non ne puoi fare più a meno, ma non è così! E’ come se sentissi che senza quella persona non fossi completo! Non è vero! Tu lo credi, ma non è vero! Puoi stare bene anche senza quella persona!

Devi sciogliere il contenuto emozionale dei ricordi negativi. Puoi fare un test: ripensa a un episodio dove sei stato male, quel ricordo che tipo di emozione ti suscita? Da 0 a 10 quanto ti sei sentito male? Se quando l’evento traumatico è accaduto e ti sei sentito male 10, oggi quando ci ripensi quanto ti senti male: di nuovo 10 o meno? Se il punteggio rimane alto, significa che oggi quando ripensi all’evento traumatico è come se il tuo cervello lo rivivesse, come se il tuo cervello fosse bloccato al momento dell’evento traumatico. Nel momento in cui riesci a far abbassare quel punteggio, quindi quando ripensi all’evento traumatico il punteggio si dovrebbe gradualmente abbassare da 10, 9,8,7,6, ecc… Ti liberi dall’emozione in eccesso legata a quel ricordo, quando rivedi quel ricordo non ti traumatizzi, perché lo vedi con sempre maggiore indifferenza.

E’ importante che ti tiri fuori completamente, che ti allontani da quell’ambiente malsano, affinché ci sia una guarigione per non essere più sottoposta al bombardamento di svalutazione, insulti e comportamenti abusanti. Quando il narcisista ritorna non credete alle sue promesse: se vi promette di sposarvi dopo che ha rifiutato l’idea del matrimonio non ci credete perché è una tecnica di nuovo per imprigionarvi.

Se il vostro problema è più radicato e purtroppo nella vostra vita avete conosciuto diversi carnefici, significa che nell’infanzia non avete conosciuto la gentilezza, la bontà e l’affetto nei vostri confronti e purtroppo conoscete solo i comportamenti abusanti. Vi ritrovate a vivere esperienze simili perché purtroppo conoscete solo quel tipo di relazioni umane e pensate inconsciamente di meritare di essere amati solo così! Se volete uscirne il lavoro che dovrete fare sarà più intenso perché dovrete ristrutturare, rivedere e correggere tutte quelle convinzioni sbagliate che avete su voi stessi e sugli altri. Dovrete cambiare prima voi, instaurare relazioni diverse e cercare persone diverse. Significa imparare ad amare veramente se stessi, e far tacere dentro di sé quella parte che vi porta a pensare di non meritare di essere amati veramente, di non essere degni di amore.

Iscriviti al mio canale YouTube Narcisisti e Demoni!




#psicologia

#narcisistiedemoni

#monicadesantis


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti