Il narcisista distrugge la tua autostima

Aggiornamento: 2 mag



L'autostima può essere considerata come la valutazione più o meno realistica che una persona ha di se stessa. Questa valutazione può essere più o meno positiva. Alla base di questa opinione che un individuo ha di se stesso, ci sono delle credenze soggettive che una persona tende a difendere, anche se la realtà esterna sembra non confermarle. Dopo una relazione con un narcisista per la vittima può essere difficile avere un atteggiamento ottimista nell'affrontare di nuovo la vita. La vittima può provare tutta una serie di sensi di colpa. Il narcisista riesce ad intaccare i meccanismi di autovalutazione della vittima che finisce per svalutarsi e disprezzarsi. Proprio durante la fase della svalutazione, il narcisista tende a rendere instabile l'autostima del partner con continue critiche al suo valore. L'atteggiamento che ha un narcisista è ambiguo e la vittima non sempre ne è consapevole. La vittima non riesce a riprendersi, in quanto avrebbe bisogno di un nuovo rapporto per avere delle conferme.


Il manipolatore cerca di calpestare i principi etici della vittima. Per il manipolatore gli altri sono sempre colpevoli e cerca sempre un qualcosa per attaccarli. Il manipolatore ha un linguaggio tortuoso e usa spesso giri di parole. I narcisisti non rispondono mai alle domande dirette e anzi, cercano di cambiare argomento facendo notare altri aspetti della comunicazione, come il tono di voce. E' uno stratagemma per sviare il discorso.


Il manipolatore usa spesso proverbi o modi di dire in modo generalizzato. Se lo incolpate di qualcosa vi dirà che tanto lo fanno tutti cercando quindi, di sminuire la gravità dell'accusa che gli state muovendo. Ha molta fantasia ed è in grado di inventarsi ogni tipo di falsità. Per ogni manipolatore imbrogliare è un gioco divertente. Il manipolatore è convinto che la vittima si meriti questo trattamento e che le bugie se le è andate a cercare. Un manipolatore pensa "E' colpa tua perché ci credi!". L'atteggiamento del manipolatore è pieno di ricatti, colpi bassi, minacce, svalutazioni continue e tutto senza alcun rimorso. Il narcisista è incapace di amare. Anche se queste persone si presentano come amorevoli e piene di attenzioni, in realtà sono senza sentimenti. I loro slanci di generosità sono gesti puramente meccanici, vuoti e privi di un coinvolgimento affettivo. Quindi, non c'è un'emozione autentica, ma c'è solo una maschera.


Un manipolatore cercherà di convincere la vittima che ha interpretato male o che ha frainteso! Quindi, il manipolatore finisce per sabotare le capacità critiche della vittima che pur di salvare la relazione arriva a mettere in discussione se stessa. Da qui, inizia a barcollare l'autostima. E' proprio questo lo scopo del manipolatore che si diverte a minare la sicurezza della sua preda, facendo leva proprio sulla paura di vedersi sgretolare tutti i suoi progetti di coppia.


Ti dovresti liberare da ciò che ti opprime. Se intraprendi una fase di liberazione potresti incontrare l'ostilità delle persone che ti circondano perché è come se stessi facendo notare loro che le loro dinamiche relazionali sono tossiche e inadeguate per il tuo benessere. La vera difficoltà per un processo di cambiamento è di contenere l'indebita intromissione delle persone che ti circondano. Gli altri ti ostacolano per mantenere l'equilibrio di tutto il gruppo.


Devi intraprendere un percorso di cambiamento in cui puoi esistere ed esprimerti in prima persona. L'uomo tende a squalificare la donna: pensate a quante donne si sentono brutte senza esserlo affatto. Questa percezione negativa è il frutto di un meccanismo di squalifica che inizia all'interno della famiglia. E' importante iniziare un percorso di indipendenza dagli altri. La tua sofferenza va trasformata in un progetto per il tuo futuro.


Scrivi pure i tuoi commenti e dimmi cosa ne pensi!

Un abbraccio!

Monica De Santis

Life Coach




#narcisismo

#narcisista

#psicologia



159 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti