Quando il narcisista è cristiano...

Aggiornamento: 19 apr 2021



Cari amici, benvenuti nel mio Blog!


Il tema di oggi è il narcisista cristiano. Potreste pensare che nelle mie parole ci sia una contraddizione. Non è corretto associare il termine cristiano con una persona tossica e abusante verso il prossimo.


I narcisisti sono attratti dal cristianesimo per diverse ragioni.


La prima ragione è che la persona narcisista sa nel profondo, che non sta bene. Vorrebbe un cambiamento anche se non lo dice apertamente. Affinché avvenga un cambiamento la persona narcisista si dovrebbe rigenerare, realizzare di essere un peccatore e cambiare la sua vita. Molti narcisisti si identificano come cristiani, ma non sono disposti a cambiare.

Dichiararsi cristiani significa avere una buona immagine, perché gli altri di solito, percepiscono i cristiani come brave persone. In generale, gli altri tendono ad abbassare la guardia con una persona cristiana e i narcisisti lo sanno e se ne approfittano. Se si identificano come cristiani, gli altri non vedono un pericolo in loro.


La seconda ragione è che i cristiani tendono ad essere molto ingenui. Tendiamo infatti, a vedere sempre il buono negli altri. Non ci rendiamo conto che esistono delle personalità disturbate che potrebbero danneggiarci se vengono in contatto con noi. Questa credenza facilita il narcisista.

Nel cristianesimo tendiamo a dare più importanza alla fede che alla logica. Nel momento in cui vediamo una condotta che è inappropriata, cerchiamo un miglioramento. Molte volte non vediamo il pericolo nella condotta che stiamo osservando.


La terza ragione è che nel cristianesimo c'è la possibilità di diventare dei leader e di avere un certo potere sugli altri. E' un'opportunità di essere visti e ammirati. Quindi, per i narcisisti diventa più facile ottenere tutto ciò che vogliono. I cristiani tendono ad abbassare la guardia più facilmente e i narcisisti possono approfittarsene. Dio però, ci avverte che esistono degli approfittatori che fingono di essere dei falsi profeti e che invece di aiutare gli altri, vogliono solo fare i loro interessi.


Quando un narcisista si identifica come cristiano come si comporta all'interno della comunità cristiana? In linea generale, terrà questi tipi di condotta.


La prima tipologia di condotta è che userà la Bibbia per manipolare. Questo si chiama abuso spirituale. Si concentrano su quei passi della scrittura che permettono loro di manipolare gli altri a loro favore. Ad esempio, possono farti credere che per amore devi sopportare tutto il male che ti viene inflitto. In questo modo, non riesci ad uscire dalla relazione. I narcisisti predicano la compassione, ma non la mettono in pratica verso le persone che abusano.


La seconda condotta è che se non faremo tutto ciò che ci domandano andremo all'inferno. A loro piace l'idea di minacciarci che se non faremo tutto ciò che vogliono, Dio ci castigherà. I narcisisti si approfittano del nostro desiderio di essere buoni e di volerci comportare correttamente verso il prossimo.


La terza condotta è pretendere di essere sempre perdonati, indipendentemente dalla gravità delle loro azioni. Per un narcisista il perdono è sempre dovuto. Cercano di sfruttare al massimo l'idea biblica del perdono. Se all'ennesimo torto, rifiuti di perdonarli, ti faranno sentire in colpa.


La quarta condotta è credersi superiori a livello spirituale e far sentire te come una persona inadeguata o non sufficientemente evoluta. Si sentono in perenne competizione, quindi vogliono superarti, facendoti credere di essere più cristiani di te o più fedeli di te. Si vantano di essere i migliori cristiani e tacciono gli abusi che hanno fatto patire agli altri. Il loro obiettivo è di far sentire gli altri inferiori.


La quinta condotta dei narcisisti che si identificano come cristiani è criticare la condizione spirituale degli altri, senza guardare la loro propria condizione. Saranno ipercritici verso gli altri e sempre pronti a cogliere l'occasione per rinfacciare le loro mancanze, ma raramente saranno obiettivamente critici verso loro stessi.


La sesta condotta è impegnarsi in opere tangibili, per fare bella mostra di sé davanti agli altri. E' un modo per vantarsi e per sentirsi importanti rispetto agli altri. Si impegnano in attività che andranno a beneficio della loro reputazione, facendoli passare come brave persone con un alto grado di moralità. Ci tengono ad avere un'immagine pubblica perfetta, ma tra le mura domestiche cambiano completamente.


La settima condotta è esagerare l'esteriorità per nascondere la miseria che c'è nella loro interiorità. I narcisisti pongono un'attenzione esagerata a tutti gli aspetti esteriori, per nascondere tutte le loro mancanze a livello interiore.


L'ottava condotta è che sono dei seminatori di zizzania. Creano divisione all'interno della loro comunità di appartenenza. Con i pettegolezzi cercano di far litigare gli altri. Seminano dubbi nel tuo cuore per allontanarti dalla fede. In famiglia, creano rivalità tra fratelli. Il loro comportamento dipende dalla carica di emozioni negative che provano. Non sono in grado di agire diversamente. Quindi, se incontri delle persone che si identificano come cristiani, ma osservando i loro comportamenti, noti una marcata discrepanza tra ciò che dicono e ciò che fanno, significa che ti trovi davanti a dei narcisisti spirituali. Non ti preoccupare, Dio non tollererà la loro condotta. Agli occhi di Dio il colpevole non passerà mai come innocente.


Scrivi pure i tuoi commenti e dimmi cosa ne pensi!

Un abbraccio!

Ciao!





252 visualizzazioni2 commenti

Post recenti

Mostra tutti